Calcolo: ovulazione, giorni fertili e giornate sterili

Con questo computer è possibile calcolare in maniera semplice ovulazione, giorni fertili e giorni non fertili:

$ai_code = base64_decode ('DQoNCg0K'); $ai_index = 0; $ai_enabled = true; if ($ai_enabled) $ai_enabled = check_check_referer_list (base64_decode ('Iw=='), true); $ai_code = str_replace ('[#AI_DATA#]', base64_encode ("[73,$ai_index]"), base64_decode ('PGRpdiBjbGFzcz0nNGQtaW5zZXJ0ZXIgNGQtaW5zZXJ0ZXItNzMnIGRhdGEtYWk9J1sjQUlfREFUQSNdJyBzdHlsZT0nbWFyZ2luOiA4cHggMDsgY2xlYXI6IGJvdGg7Jz4K')) . $ai_code . base64_decode ('PC9kaXY+Cg=='); if ($ai_enabled) echo $ai_code;
  • Calcola quali sono i giorni migliori per ottenere una gravidanza (giorni fertili)
  • Calcola quali sono i giorni in cui non vi è possibilità di gravidanza (giorni sicuri)
  • Calcola da quando / fino a quando è possibile una gravidanza
  • Calcola da quando è possibile effettuare un test di gravidanza
Tracciamento dell'ovulazione e della fertilità per la contraccezione naturale:

Calcolo: ovulazione, giorni fertili e giornate sterili

Rimanere incinta è soprattutto una questione di tempismo, dal momento che la donna può rimanere incinta solo attorno al periodo dell’ovulazione. Con il calcolatore di ovulazione è possibile calcolare l’ovulazione in base alla lunghezza di qualsiasi ciclo.  Non importa se si ha un ciclo regolare da 28 giorni, un ciclo più breve o più lungo. Basta inserire la data dell’ultimo ciclo mestruale e il calcolatore della fertilità mostrerà, accanto al calendario dell’ovulazione, tutti i giorni fertili e non fertili. Con numerosi suggerimenti per rimanere incinta e miti sui metodi di pianificazione familiare naturali.

Calcolare l’ ovulazione

Importante: Per contraccezione naturale non utilizzare mai i calcolatori di fertilità disponibili online, dal momento che restituiscono risultati troppo incerti. Purtroppo ancora oggi circolano molte falsità sul ciclo mestruale. Questa pericolosa mancanza di conoscenze è in parte responsabile delle gravidanze indesiderate, soprattutto tra le più giovani.

Come riconoscere i giorni fertili?

La risposta più importante è molto semplice: impossibile senza test speciali o esami. E anche con i computer per la gravidanza che determinano l’adeguatezza del muco cervicale, è complesso determinare con precisione quali sono i giorni fertili.

Come funziona una gravidanza?

Per rimanere incinta, lo sperma deve unirsi all’ovulo nella tuba di Falloppio. La data più importante in questo contesto è l’ovulazione stessa. Il problema: non è possibile determinare al 100% l’ovulazione. In un “ciclo modello” di 28 giorni, l’ovulazione si colloca tra il 13° e il 17° giorno del ciclo. Il problema: Pochissime donne hanno un ciclo sempre della stessa lunghezza.

Gli spermatozoi possono sopravvivere 3-5 giorni, l’uovo in sé circa 12-18 ore. Ciò significa che i giorni fertili in un ciclo modello di 28 giorni sono compresi tra l’8° e il 18° giorno.

Da quale data si può rimanere incinta?

Dopo l’ovulazione le cellule dell’ovulo restano fertili solo per circa 12-18 ore. Lo sperma, tuttavia, sopravvive molto più a lungo, con i suoi 3-5 giorni. In generale ciò si traduce in un periodo di circa 6 giorni fertili (il giorno dell’ovulazione e i cinque giorni precedenti).

Poiché il momento dell’ovulazione non può essere determinato con precisione, occorre calcolare un altro paio di giorni di sicurezza, se si desidera evitare la gravidanza.

Il ciclo

La durata del ciclo non è altro che l’intervallo che intercorre tra due cicli. Il primo giorno del ciclo mestruale rappresenta l’inizio di un nuovo ciclo. Purtroppo è possibile determinare con facilità un solo punto del ciclo, vale a dire l’inizio (che corrisponde alla comparsa delle perdite mestruali).

Lunghezza normale del ciclo

Non vi è alcun ciclo standard “normale”! Ogni donna ha un ciclo unico, soggetto a cambiamenti mensili. Inoltre nel corso della vita, la lunghezza del ciclo cambia.  Sono pochissime le donne che hanno sempre un ciclo della stessa lunghezza. I cicli irregolari non sono tuttavia motivo di allarme, ma sono considerati normali.

Ciclo di diversa lunghezza

In relazione al ciclo mestruale è difficile fare affermazioni che siano universalmente valide. Ciò dipende in parte dal fatto che la distanza temporale tra giorni fertili e e giorni non fertili cambia da una donna all’altra. Anche la stessa donna ha cicli di lunghezza differente. Per determinare i giorni fertili è quindi meglio affidarsi all’osservazione dei segnali del corpo, rivolgendosi a un medico o dopo avere seguito una formazione specifica.

Lunghezza media del ciclo

Secondo gli studi, il ciclo di 28 giorni così frequente è in realtà più raro di quanto si creda: solo il 12,8% di tutti i cicli ha una durata di 28 giorni. Inoltre, le donne adulte hanno più spesso un ciclo di 28 giorni rispetto alle donne giovani.

La durata del ciclo più comune nelle donne tra 20 e 45 anni è di 27 giorni. Dal punto di vista medico, vengono considerati regolari tutti i cicli di durata compresa tra 23 e 35 giorni (!). E vi è un altro fatto ancora: i cicli più lunghi sono più comuni dei cicli brevi. Un ciclo su 6 dura 33 giorni o più, mentre un ciclo su 10 dura 24 giorni o meno. E il 5% dei cicli nelle donne sane dura più di 35 giorni.

Calcolare i giorni fertili e i giorni non fertili

Le variazioni di lunghezza del ciclo sono del tutto normali. Per capire quali sono i giorni fertili e quali quelli non fertili la cosa migliore è affidarsi a un ginecologo, che saprà determinarli.

L’ovulazione

L’ovulazione avviene di solito tra il 12° e il 16° prima del ciclo successivo.

Giorno del ciclo e fertilità

In un normale ciclo, i primi cinque giorni sono considerati non fertili. Ciò vale tuttavia solo nel caso in cui non sia presente alcuna influenza ormonale (pillola) e nel caso in cui nel ciclo precedente si sia verificata un’ovulazione. A partire dal sesto giorno del ciclo vi è almeno la probabilità teorica di essere fertili.

Casi di prudenza: miti sui giorni fertili

Purtroppo ci sono ancora libri di testo e opuscoli didattici che diffondono informazioni false per semplificano notevolmente le cose. In taluni rapporti, la contraccezione viene affidata ai preservativi. Il preservativo, percepito come fastidioso, viene quindi omesso all’inizio del ciclo e alla fine del ciclo, perché in questi giorni presumibilmente la donna non sarà fertile. Purtroppo questo modo di pensare porta con sé degli errori!

Le seguenti dichiarazione sono false

  • A metà del ciclo si ha la fertilità massima.
  • Il momento migliore per avere una gravidanza è esattamente a metà tra due periodi mestruali.
  • Gli spermatozoi sopravvivono solo 2 o 3 giorni.
  • Durante la fase mestruale non è possibile alcuna gravidanza.
  • Sino al 7° giorno del ciclo è possibile non prendere precauzioni.
  • Il ciclo standard ha una lunghezza di 28 giorni.
  • L’ovulazione avviene sempre intorno al 14° giorno del ciclo.
  • I giorni immediatamente dopo il sanguinamento (settimo-nono giorno del ciclo) sono ancora relativamente sicuri.
  • Dopo l’ovulazione, che avviene entro il 18° giorno del ciclo mestruale, non è più possibile rimanere incinta.
  • Una settimana prima del ciclo (dal 22° al 28° giorno del ciclo) può essere considerata sicura al 100%.

Casi di attenzione: Questo conteggio è sbagliato.

Spesso viene indicata una durata del ciclo di 28 giorni. La conclusione (errata) è quindi che l’ovulazione avviene intorno al 14° giorno e questa sarebbe la data della massima fertilità. Se queste gravi semplificazioni vengono poi accostate all’errata convinzione che lo sperma vive solo 2-3 giorni, il caos è perfetto. Si addiviene quindi alla conclusione errata che il periodo fertile sia compreso tra l’11° e il 15° giorno del ciclo.

Molte donne sanno che il ciclo mestruale è soggetto a oscillazioni. Purtroppo esse fanno riferimento molto spesso alla comparsa del sanguinamento, che può avvenire prima o dopo, e non ai giorni fertili o non fertili.

Rimanere incinta rapidamente: la cosa migliore per chi vuole un figlio

La cosa più importante è conoscere la data esatta dell’ovulazione. Inoltre è possibile fare quanto segue per trasformare rapidamente in realtà il desiderio di un figlio.

La cosa più evidente è avere un rapporto sessuale al momento giusto. Per calcolare in maniera precisa i giorni fertili, il ciclo deve trovare il suo ritmo naturale. È necessario interrompere l’assunzione della pillola e di altri ormoni e lasciare successivamente al ciclo il tempo di stabilizzarsi!

12-16 giorni prima del prossimo periodo avviene l’ovulazione. La cellula dell’ovulo è fertile per 12-18 ore dopo l’ovulazione, mentre lo sperma sopravvive fino a sei giorni nel corpo della donna. Il periodo fertile comincia quindi non solo con l’ovulazione, ma già sei giorni prima. Con il calcolatore dell’ovulazione è possibile calcolare i giorni fertili.

Prudenza, inaffidabile: il metodo Knaus-Ogino

Il metodo del calendario (a volte chiamato il metodo del ritmo) prende il nome dai medici Knaus e Ogino. Per un periodo di almeno sei mesi si annotano con precisione le date del ciclo e successivamente si calcolano matematicamente i giorni fertili. Il metodo Knaus-Ogino è considerata un metodo contraccettivo inefficace, in quanto non si basa sui segnali che provengono dal corpo (temperatura, ormoni).  Sono invece più idonei metodi quali il metodo sintotermico o i test per rilevare l’ovulazione.

Metodo sintotermico, test di ovulazione, computer per la gravidanza

Il metodo sintotermico è significativamente più affidabile di un calcolo della data. Nell’ambito di tale approccio, vengono registrate la temperatura e la consistenza del muco cervicale. In alternativa, è possibile utilizzare test di ovulazione o specifici computer per la gravidanza. Questi misurano l’ovulazione sulla base della temperatura giornaliera al risveglio, dei livelli ormonali e/o mediante l’analisi del muco cervicale.

Rimanere incinta rapidamente

Il metodo più piacevole e più efficace per ottenere rapidamente una gravidanza è praticare regolarmente attività sessuale. Chi ha rapporti sessuali ogni due giorni per l’intero ciclo, con un po’ di fortuna potrà evitare costose analisi per la determinazione dei giorni fertili. Anche a riguardo ci sono però tutta una serie di consigli che rientrano più nel campo delle leggende. Non è vero che posizioni sessuali come la pecorina o la posizione del missionario favorirebbero la gravidanza, dal momento che il percorso dello spermatozoo per raggiungere l’ovulo sarebbe più breve, né che posizionare un cuscino sotto il bacino favorisce la fecondazione.

Sempre un’ottima idea: una visita ginecologica e una corretta alimentazione

Vuoi fare ancora di più per restare incinta in fretta? Sottoponiti a una visita ginecologica.  Il medico sarà in grado di capire se ci sono le condizioni fisiche per una gravidanza.

Anche un’alimentazione sana e bilanciata ha un suo ruolo. Ciò vale non solo per te, ma anche per il tuo partner (cattive abitudini alimentari influenzano negativamente lo sperma!). Se possibile evitate entrambi di consumare caffè ed alcool e rinunciate al fumo. Gli alimenti ricchi di calcio, acido folico, zinco e vitamina C svolgono un’azione favorevole (spinaci, pane integrale, yogurt, grassi omega-3, come nel salmone, nel mango, nelle uova, nel latte, nell’ananas).

Quanto tempo ci vuole per rimanere incinta? Qual è la norma?

Non preoccuparti se nonostante un’attività sessuale regolare non rimani incinta per diversi mesi. Anche per le donne in buona salute, la probabilità di rimanere incinta all’interno di un ciclo è solo del 20 per cento circa. Chi si sente sotto pressione, tendenzialmente avrà meno possibilità di restare incinta entro tempi brevi. Evita lo stress. Cerca di goderti la vita. Fai sport. Resta molto all’aria aperta. Rilassati.

I medici usano il termine “infertilità” solo dopo due anni di rapporti sessuali regolari non protetti. Rivolgiti quindi al tuo ginecologo per avere consulenza, prima di prendere misure affrettate.

Computer e test: Calcolare ovulazione, giorni fertili e giorni non fertili

Desiderio di un figlio o contraccezione: esistono tutta una serie di mini-computer in grado di determinare la data dell’ovulazione. In questo modo è molto più semplice calcolare i giorni fertili. Le conoscenze così acquisite possono essere quindi utilizzate per la contraccezione, ma anche per rimanere incinta. In definitiva tutti i dispositivi misurano le variazioni della temperatura corporea o dei livelli ormonali mediante urina o saliva.

Importante: Tutti i computer per calcolare i giorni fertili (computer di rilevazione del profilo ormonale, computer di misurazione della temperatura o computer per l’analisi della saliva) non sono raccomandati come unico metodo.

Computer di rilevazione del profilo ormonale

Ad esempio, “Persona” (contraccezione) o “Clear Blue” (fertilità) aiutano a identificare i giorni fertili. L’unità consiste di due parti: strisce reattive che vengono utilizzate una sola volta e un piccolo palmare. Le strisce vengono lette da un palmare, che rileva il risultato.

L’uso del computer di rilevazione del profilo ormonale deve partire dalla mattina stessa in cui iniziano le perdite mestruali. A partire da tale data ogni mattina il computer indicherà se si tratta di un giorno non fertile (luce rossa) o di un giorno fertile (luce verde). In caso di stato non definito, si accenderà una luce gialla, che richiede l’esecuzione di un test delle urine.

Importante: Il test delle urine deve essere effettuato giornalmente entro un certo intervallo temporale. Ciò richiede una certa disciplina.

Computer per la temperatura

I computer per la misurazione della temperatura sono molto facili da usare. In definitiva si tratta di un termometro, che memorizza le misurazioni effettuate in passato e le interpreta. Dopo il risveglio la donna procede alla misurazione della temperatura per circa un minuto (temperatura basale). In seguito il dispositivo indica se si tratta di un giorno fertile, di un giorno molto fertile o di un giorno non fertile.

Quante più misurazioni vengono effettuate, tanto più preciso sarà il risultato. Il vantaggio dei computer per la rilevazione della temperatura è che possono essere utilizzati anche in presenza di cicli irregolari. Tuttavia vi è il rischio che il numero di giorni non fertili risulti decisamente inferiore. Uno svantaggio grave è che il computer non può essere utilizzato in presenza di febbre.

Microscopio per saliva o muco

Per mezzo di un microscopio si rileva la presenza di ormoni all’interno del muco cervicale essiccato o della saliva. Questi si presentano come modello cristallino e secondo il produttore possono essere riconosciuti indipendentemente dalla presenza di patologie o dallo stile di vita. Inoltre è di difficile interpretazione per i laici, ragione per cui molti medici sconsigliano questo metodo.